Nero di minaccia e di caos disperante. Nero pi tragico di un grido, 

bench sia grembo, talora, di angeli e di fiori, di boschi e di fanciulli.

Quel nero la matrice pulsante della memoria mitica e del sogno, ricordo antico e forse presagio, ma anche abisso, annientamento della luce, grembo tellurico, macigno.

E' l'ignoto indescrivibile dell'universo, la sua forza e la sua massa increspata appena, su labili superfici, da esili soffi lucenti in cui c'illudiamo di scorgere figurine o di riconoscere luoghi, e d'intravedere noi stessi.

 Nero e blu combinati da cui nasce la linea sinuosa di Pietro Verdini, l'elemento pi alto della sua composizione: cattura la fantasia di chi lo guarda, genera emozioni, compenetra il senso di tutta l'icona di cui s'intesse; raccoglie in s, violenta come il germe di una tempesta, 
la rivolta che l'autore vi nasconde.

entra
Estratto di una recensione di Rinaldo Sandri

Ricerca personalizzata

Document made with Kompozer